“Il mercato del biologico in Europa è continuato a crescere nel 2012”. (EN)

14/02/2014
Rassegna stampa

Nel 2012 le vendite in alcuni Paesi europei hanno evidenziato una stagnazione, mentre in altri si è avuta una crescita di oltre il 10%  (Finlandia, Norvegia e Paesi Bassi). Nel Regno Unito, le vendite al dettaglio sono diminuite nel 2012, mostrando però una rinnovata crescita nel 2013.

Questi sono alcuni dati raccolti dal Research Institute of Organic Agriculture (FiBL), dall’ Agricultural Market Information Company e dagli altri partner del progetto “OrganicDataNetwork”.  Il programma “OrganicDataNetwork” è finanziato nell'ambito del 7 ° Programma Quadro dell'Unione Europea e mira a migliorare la disponibilità e la qualità dei dati di mercato sul biologico. La superficie coltivata a biologico in Europa ha superato gli 11 milioni di ettari nel 2012, che rappresenta il 2,3% della superficie agricola europea. Nell'Unione europea circa 10 milioni di ettari, pari al 5,6% della superficie agricola totale sono state coltivate secondo il metodo bio .  La Germania ha continuato a essere il più grande mercato dei prodotti biologici in Europa, con un fatturato di 7.040 milioni di euro nel 2012. In Francia il fatturato è aumentato notevolmente, raggiungendo i 4.040 milioni di euro. La Svizzera ha avuto la più alta spesa pro capite annuale di prodotti biologici in tutto il mondo (euro 189).  Le analisi dei dati di OrganicDataNetwork hanno dimostrato che la frutta e la verdura continuano a detenere quote di mercato particolarmente elevate, sia nel 2011 che nel 2012, rappresentando tra un terzo e un quinto delle vendite nei mercati biologici nazionali. Le vendite di frutta e verdura biologica sono particolarmente significativi in Italia, Irlanda, Norvegia, Svezia e Germania. In generale i prodotti freschi rappresentano una quota maggiore del mercato biologico in tutta Europa, rispetto a quanto avviene nel mercato dei prodotti non biologici.

 In molti paesi, e in particolare nel nord Europa, alimenti come il  latte e i prodotti lattiero-caseari costituiscono una quota rilevante delle vendite dei prodotti biologici. Le vendite di carne sono particolarmente elevati in Belgio, Paesi Bassi, Finlandia e Francia, occupando quote di mercato di circa il 10%. Ulteriori dettagli circa i recenti sviluppi in Europa, tra cui una panoramica sulla normativa, sono disponibili nel compendio recentemente pubblicato, dal titolo  "L'agricoltura biologica in Europa - Prospettive e sviluppi", che è stato lanciato al BioFach. La pubblicazione è opera del gruppo UE della Federazione Internazionale dei Movimenti di Agricoltura Biologica (IFOAM UE), dell'Istituto di ricerca dell'agricoltura biologica (FIBL) e dell'Istituto Agronomico Mediterraneo (CIHEAM-IAMB).

Tutte le informazioni al LINK

FIBL -Organic Europe, 11 febbraio 2014, www.organic-europe.net

 

Economia: