Corte di Giustizia europea : la macellazione senza stordimento è incompatibile con le regole del biologico (EN)

26/02/2019
News

Dopo la commercializzazione in Francia nel 2012 di bistecche di manzo tritate "halal" provenienti da animali macellati senza essere stati resi insensibili  e vendute con l'etichetta “da agricoltura biologica" l’OABA (Ouevre d’Assistance au Bêtes d’Abattoir) si era rivolta al Ministero dell’Agricoltura francese sottolineando che questo sistema di macellazione non ècompatibile con i regolamenti europei sulla produzione biologica.

Il silenzio del Ministero dell'Agricoltura aveva indotto l'OABA a presentare ricorso davanti ai tribunali amministrativi. Avendo avuto il ricorso respinto in primo grado, l'OABA aveva allora presentato ricorso alla Corte d'appello amministrativa di Versailles. In una sentenza emessa il 6 luglio 2017, la Corte aveva ritenuto che la domanda posta dall’organizzazione necessitasse di un'interpretazione dei regolamenti europei ed aveva sottoposto la questione alla Corte di Lussemburgo.

La Corte doveva quindi rispondere a questa domanda: "Le norme del diritto dell'Unione europea devono essere interpretate nel senso di autorizzare o vietare il rilascio dell'etichetta europea "da agricoltura biologica "alle carni di animali che sono stati oggetto di macellazione rituale senza precedente stordimento? "

In una sentenza emessa il 26 febbraio 2019, la Corte di Lussemburgo ha appoggiato la posizione della associazione francese, sostenuta in udienza da Grecia, Norvegia e Commissione europea. La Corte ha sottolineato che il Regolamento (CE) n. 834/2007 non autorizza l'abbattimento di animali che non siano stati prima resi insensibili, e richiede sia "elevati standard di benessere animale" come uno degli obiettivi della produzione biologica, sia " una sofferenza ridotta al minimo per tutta la vita dell'animale, anche al momento della macellazione », 

Il veterinario Jean-Pierre Kieffer, presidente della OABA, ha dichiarato: "Questo giudizio ci ricorda che il benessere degli animali non è solo un elemento del marketing o del linguaggio ministeriale, ma un concetto legale protetto dalla legislazione europea. È deplorevole che sia necessario ricorrere alle più alte autorità giuridiche perché il Ministero dell'Agricoltura faccia applicare la legge!”

Da parte sua, la la FNAB, Fédération Nationale d’Agriculture Biologique, si è rallegrata per la decisione coerente con le regole e l'etica della produzione biologica che guidano le pratiche delle allevatrici e allevatori  biologici. Per il suo segretario nazionale incaricato del benessere degli animali, Jean-François Vincent: "Acquistando carne biologica, i consumatori chiedono che gli animali godano delle migliori condizioni di allevamento, trasporto e macellazione. Questa decisione conferma che lo stordimento, essenziale per ridurre la sofferenza degli animali, è obbligatorio quando si macellano animali biologici. "

Fonte : FNAB

Produzioni: