Il biologico italiano in piena espansione, di Olivier Tosseri (EN)

04/09/2019
Rassegna stampa

La rivista economica online francese "Les Echos" pubblica un articolo sul biologico italiano che qui riportiamo tradotto.

Negli ultimi dieci anni, le esportazioni di bio Made in Italy sono esplose del + 600%. Con circa 2 miliardi di euro, l'Italia è il secondo maggiore esportatore al mondo dietro gli Stati Uniti.Il biologico è diventato un settore essenziale dell'industria alimentare italiana, che ha un fatturato globale di quasi 6 miliardi di euro.Organizzando l'Expo mondiale di Milano nel 2015, l'Italia ha scelto il tema "Nutrire il pianeta, energia per la vita". Per la sua industria agroalimentare, questo dinamismo deriva senza dubbio dalla produzione biologica. Secondo uno studio della società Nomisma, pubblicato alla vigilia del 31° Salone Internazionale dei Prodotti Biologici e Naturali, che si terrà a Bologna dal 6 al 9 settembre, oltre il 20% delle famiglie italiane acquista prodotti biologici almeno una volta alla settimana.Terra d'elezione per l'agricoltura biologica, la penisola è il primo paese esportatore europeo. Non si tratta più un settore di nicchia ma di uno strumento di crescita, con oltre 66.000 aziende produttrici e quasi 2 milioni di ettari di terra coltivata, ovvero il 15,4% della superficie agricola utlizzata. Il paese si pone al secondo posto a livello mondiale dietro la Spagna, che ha 2,1 milioni di ettari. Secondo l'Associazione italiana per l'agricoltura biologica (AIAB), una azienda agricola biologica su tre in Europa è italiana.

Aumento delle esportazioni

Oltre 18.000 aziende assicurano la trasformazione e la distribuzione dei propri prodotti  generando un fatturato di quasi 6 miliardi di euro, di cui 3,6 miliardi realizzati sul mercato nazionale e 2,3 miliardi all'estero. Le esportazioni sono fortemente aumentate  nel 2017, con un aumento del 178% su base annua. In dieci anni, la crescita è stata del 597%, con Francia e Germania come destinazioni preferite.

Il 2018 è stato l'anno di tutti i record per la filiera biologica

E le prospettive per il 2030 sono incoraggianti. Secondo l'associazione internazionale di agricoltura biologica Ifoam, il biologico creerà un mercato di 90 miliardi di euro in tutto il mondo, con in testa gli Stati Uniti d'America (40 miliardi), seguiti dalla Germania (10 miliardi) e dallaFrancia (7,9 miliardi), tallonati dalla Cina (7,6 miliardi).

Piano nazionale per le sementi biologiche

L'Italia è al 5 ° posto. I suoi margini di progresso sono importanti. La spesa pro capite per i prodotti biologici è di 52 euro, molto indietro rispetto alla Svizzera (288 euro) o alla Danimarca (278 euro). I supermercati rappresentano il 46% delle vendite, rispetto al 23% per i negozi specializzati: cifre che si sono  invertite negli ultimi dieci anni. "Nell'ultimo decennio, la crescita delle esportazioni biologiche italiane è stata esponenziale", afferma Maria Grazia Mammucini, Presidente di Federbio. Ora siamo a un bivio. Il settore sarà in grado di consolidare questa crescita e aumentarla solo se è in grado delle vere filiere  nazionali". Una legge entrerà presto in vigore per garantire il biologico made in Italy, supportare la produzione e lanciare un piano nazionale per le sementi biologiche. Gli esperti del settore chiedono anche che l'azione si occupi dei prezzi per rendere i prodotti biologici più convenienti. La differenza tra prodotti biologici e prodotti convenzionali è di circa il 20-30%.

Per scaricare l'articolo originale cliccare QUI

Les Echos - Olivier Tosseri