L'agricoltura biologica mitiga i cambiamenti climatici (EN)

21/03/2019
News

I terreni coltivati biologicamente a lungo termine emettono il 40% in meno di gas serra per ettaro rispetto ai terreni coltivati convenzionalmente. La quantità di gas emesso è anche inferiore per tonnellata di resa o - nel caso della coltivazione del mais - uguale. Questo è il risultato di uno studio condotto nell'ambito di un esperimento in campo a lungo termine che ha comparato agricoltura biodinamica, agricoltura biologica e agricoltura convenzionale (DOK). Lo studio è stato condotto dal dott. Andreas Gattinger, ex ricercatore della FiBL, ora professore all'Università di Giessen. I risultati sono stati recentemente pubblicati nell'edizione online della rivista scientifica "Scientific Reports".

L'agricoltura rappresenta circa l'11% delle emissioni globali di gas serra. Le emissioni dal suolo rappresentano la quota maggiore, in particolare sotto forma di protossido di azoto. "Mentre prima si pensava che le aree coltivate biologicamente producessero più gas serra per tonnellata di resa, il nostro studio mostra un'immagine diversa", afferma Gattinger. "L'agricoltura biologica contribuisce a mitigare i cambiamenti climatici".

Confronto tra colture dal 1978

Lo studio è stato condotto dall'Istituto di ricerca sull'agricoltura biologica (FiBL) e dal centro svizzero di eccellenza per la ricerca agricola ‘Agroscope’ nell'esperimento DOK a Therwil (Cantone di Basilea, Svizzera). Nello studio DOK, la coltivazione biodinamica (D), biologica (O) e convenzionale (K) di seminativi come grano, patate, mais, soia o trifoglio è stata confrontata dal 1978 nello stesso sito. Dal 2012, il più importante gas serra in agricoltura, il protossido di azoto (N2O), è stato determinato in cinque sistemi di coltivazione nella sequenza di raccolto trifoglio-mais-foraggio da sovescio. Questi sistemi comprendevano due sistemi di agricoltura biologica (biodinamica e biologica) e due convenzionali (con / senza concime) nonché un sistema di controllo non concimato.

E’ l’agricoltura biodinamica a presentare le emissioni di ossido di azoto più basse

Il risultato: le aree coltivate biologicamente avevano circa il 40% in meno di emissioni di protossido di azoto per ettaro rispetto alle aree coltivate convenzionalmente. In termini di resa, il sistema "biodinamico" ha le emissioni di ossido di azoto più basse, il trattamento di controllo "a concimazione zero" il più alto. La produzione di mais non ha mostrato differenze nelle emissioni di protossido di azoto tra agricoltura biologica e convenzionale.

"Questo dimostra che non è solo la rinuncia a grandi quantità di fertilizzanti chimici che porta a ridurre le emissioni nella produzione vegetale, ma anche l'uso mirato di diversificate rotazioni delle colture e la concimazione basata sui prodotti dell’azienda come letame e liquame per mantenere importanti funzioni del suolo, "dicono gli autori. Questo risultato è supportato dal fatto che importanti indicatori della fertilità del suolo come il valore del pH (acidità di un suolo), la materia organica in forma di humus e la biomassa microbica nel suolo sono correlati negativamente alle emissioni di protossido di azoto.

"Con questi risultati, i sistemi di produzione agricola possono essere ottimizzati per quanto riguarda le loro emissioni di gas serra", dicono gli autori. I risultati dello studio dovranno ora essere trasferiti su diversi terreni, regioni e sistemi di coltivazione attraverso ulteriori studi a lungo termine.

Il lavoro per lo studio è stato sostenuto dall'Ufficio federale svizzero per l'ambiente (UFAM) e per l'agricoltura (UFAG), dalla Fondazione svizzera Mercator e dalla Fondazione nazionale svizzera per la scienza nell'ambito del programma nazionale di ricerca "Uso sostenibile del suolo come risorsa".

Questa notizia è basata sul comunicato stampa "Ökolandbau mindert Klimawandel", pubblicato dalla Justus Liebig University di Giessen il 14 marzo.

 

Fonte: FIBL

Produzioni:

Tecniche: