Nasce il bio-distretto del Chianti (EN)

19/04/2016
News

Con il 13,9 % di superficie agricola biologica, la Toscana è la quarta bio - regione italiana. In tale contesto, uno specifico Comitato Promotore,  formato da Produttori Biologici e Tecnici dei Comuni del Chianti, ha lavorato per costituire un bio - distretto nel Chianti. Ne fanno parte, in prima battuta, i Comuni di Castellina, Castelnuovo Berardenga, Gaiole, Greve e Radda, che insieme raggiungono una superficie bio del 31,9% e viticola del 25%, ben al di sopra della media nazionale e regionale. Il 19 Aprile il Comitato Promotore ha consegnato ai primi cinque Comuni del Chianti la richiesta di delibera per la Costituzione del BioDistretto e sta lavorando per coinvolgere i territori dei Comuni di San Casciano , Tavarnelle e Barberino.  

Il patto è sancito da una delibera con la quale le diverse  amministrazioni comunali  si assumono  il compito di sostenere il bio-distretto e di adottare misure in linea sia con lo Statuto dello stesso  sia con le linee guida di Aiab (Associazione italiana per l'agricoltura biologica), promotrice dei bio-distretti, tra le quali:
- l'introduzione di cibo biologico nelle mense pubbliche
- il non utilizzo dei diserbanti nelle aree e nelle strade pubbliche
- l'implementazione della raccolta differenziata dei rifiuti
- lo stimolo all'utilizzo di materiali e stoviglie biodegradabili negli eventi pubblici

Fonte: AIAB

Luogo: 
Toscana

Produzioni:

Regioni: