PIccole e medie imprese (SME) per un’Europea più “bio”

18/12/2018
News

Si sta concludendo la prima fase del progetto “SME ORGANICS”, progetto Interreg  avviato nel 2016 (si concluderà nel 2020) che riunisce governi regionali, agenzie per lo sviluppo, organizzazioni di agricoltura e prodotti biologici, aziende, università e istituti di ricerca di otto regioni in tutta Europa. Come parte di un processo di apprendimento partecipativo, i partner e le parti interessate si scambiano e condividono le esperienze delle migliori pratiche per l'elaborazione di piani d'azione per il settore del biologico,  piani d'azione che coprono una serie di settori quali produzione e trasformazione, commercializzazione e marketing, formazione e consulenza, efficienza e governance della filiera del valore del biologico, tutte attività che possono sostenere la competitività e la sostenibilità delle PMI bio nella singole regioni. 

Il progetto, a cui per l’Italia collaborano la Regione Puglia ed il CIHEAM, assieme all’Unione delle Camere di Commercio della Lombardia, ha voluto illustrare i risultati ad oggi ottenuti e  le prossime attività attraverso un video (scaricabile QUI), mentre attraverso la collaborazione dei partners IFOAM EU ha sviluppato dei piani di azione regionali con metodi di finanziamento e procedure personalizzate (QUI è possibile scaricare la pubblicazione).

Per saperne di più su come avviare piani d’ azioni per lo sviluppo del biologico, è possibile leggere la seconda edizione di "Organic Action Plans – Development, implementation and evaluation" e trarre ispirazione da quali siano le migliori pratiche utilizzate dalle Regioni partecipanti al progetto per sviluppare il settore del  biologico.

Fonte: IFOAM EU

Economia: