Regno Unito: la Camera dei Lord è preoccupata per le esportazioni di prodotti biologici britannici verso la Ue dopo la Brexit (EN)

13/11/2020
News

I pari della Camera dei Lord hanno chiesto un aggiornamento sui colloqui Regno Unito-Ue relativi a un accordo di equivalenza sui prodotti biologici post-Brexit poiché gli agricoltori britannici temono che le esportazioni di alimenti biologici oltremanica possano essere vietate. Lord Kinnoull, presidente del Comitato ristretto dell'Ue della Camera dei Lord, ha scritto al ministro dell'agricoltura Victoria Prentis esprimendo preoccupazione per la questione.

I produttori ancora non sanno se sarà possibile continuare a esportare i loro prodotti, commercializzati come biologici, nell'Ue e nell'Irlanda del Nord dopo il 1 ° gennaio 2021. A meno che l'equivalenza degli standard biologici non sia garantita come parte dei colloqui sulla Brexit, il Regno Unito perderà automaticamente l'accesso ai mercati dell'Ue dopo il periodo di transizione. I prodotti biologici del Regno Unito non potranno essere legalmente venduti come biologici nell'Ue o nell'Irlanda del Nord, a causa del loro nuovo status nel regime normativo dell'Ue: in pratica dovrebbero essere venduti come convenzionali.

"Se non si arriva ad un accordo di equivalenza tra Regno Unito e Unione europea – ha scritto Lord Kinnoull nella sua lettera - che porti il Regno Unito ad essere elencato nel relativo allegato del regolamento Ue, gli organismi di controllo del Regno Unito dovranno essere riconosciuti dalla Commissione europea affinché il commercio possa continuare.

Omsco, la più grande cooperativa lattiero-casearia del Regno Unito, ha affermato che il settore necessita di una "risoluzione urgente" della questione. L'amministratore delegato Richard Hampton ha dichiarato: “L'accesso al mercato europeo è vitale non solo per le opportunità di crescita che offre, ma anche perché la nostra diffusione di mercati e di prodotti ci consente di offrire flessibilità e disponibilità ai nostri clienti del Regno Unito. La perdita di questi mercati danneggerà l'efficienza, ridurrà la flessibilità e aumenterà i costi in un momento economico precario".

Secondo la National Farmers’ Union, il miglior risultato per il settore sarebbe garantire il riconoscimento reciproco delle normative sul biologico del Regno Unito e dell'Ue sotto forma di un accordo di equivalenza. Il regolamento biologico del Regno Unito soddisfa già tutti i requisiti dell'attuale regolamento dell'UE, e ciò dovrebbe rendere i negoziati in questo settore molto semplici. Ma senza riconoscimento reciproco, la NFU ha avvertito che circa l'80% degli agricoltori biologici del Regno Unito si troverebbe ad affrontare la necessità di conformarsi a due regolamenti sul biologico: gli attuali regolamenti dell'Ue e i nuovi regolamenti sul biologico che entreranno in vigore in tutta l'Ue nel 2022. Ciò comporterebbe costi aggiuntivi significativi e oneri normativi per gli agricoltori e i coltivatori britannici.

Roger Kerr, presidente del UK Organic Certifiers Group (UKOCG), ha affermato che i produttori saranno esclusi dall'oggi al domani dal mercato dell'Ue se un accordo di riconoscimento reciproco tra il Regno Unito e l'Ue non verrà raggiunto prima della scadenza, e che raggiungere un accordo reciproco sulla certificazione deve essere una priorità per i negoziatori.

Fonte: FarmingUK