Agricoltura Biologica

Toscana: corsi gratuiti APAB in agricoltura biologica e biodinamica

Con un progetto interamente finanziato dalla Regione Toscana nell’ambito del Piano di Sviluppo Rurale (Psr 2014/2020, misura 1.1), ripartono ad ottobre i corsi gratuiti del progetto Biogreen per la formazione in agricoltura biologica e biodinamica di operatori delle province di Arezzo, Firenze, Grosseto, Pisa e Pistoia. E’ possibile fin da ora iscriversi e scegliere la propria offerta formativa cliccando QUI.

Non definito

UE: pubblicati i dati sull'impatto della Pac sulle aree rurali. Povertà al 24% e biologico al 7%

L’Unione europea ha appena pubblicato i dati sull‘impatto della Pac sulle aree rurali, un contributo alla valutazione delle prestazioni della PAC finalizzati anche alla nuova formulazione della politica agricola comune.

Italiano

Perchè convertirsi al biologico? Una risposta da Antonio Corbari

Antonio Corbari, presidente di AIAB e pioniere del biologico (la sua azienda è bio dal 1976) ha rilasciato un’intervista al magazine online “BioAmbassador”, rispondendo a tutta una serie di domande relative al settore, dal perché il biologico può dare una mano a salvare il pianeta, alle differenze tra prodotti bio e convenzionali, alle motivazioni degli agricoltori a convertirsi, fino ai costi della certificazione ed al nuovo DdL sul biologico in discussione al Senato.

Italiano

Biodiversità, Centinaio: "Avanti su strada del biologico"

"Siamo il Paese più ricco di biodiversità, un enorme patrimonio che tutto il mondo ci invidia e che attraversa indistintamente la penisola dal nord al sud.  La biodiversità di interesse agricolo, l'agrobiodiversita', che rappresenta la diversità dei sistemi agricoli coltivati in relazione a geni, specie e agro-ecosistemi, è un valore aggiunto del nostro Paese che va preservato e tutelato, per garantirne la sopravvivenza in un mondo in cui le specie vegetali e animali sono sempre più a rischio di estinzione".

Italiano

AGRICOLTURA BIOLOGICA IN TOSCANA OGGI …E DOMANI?

Fino a poco tempo fa considerata un metodo di nicchia, negli ultimi anni anche in Toscana l’Agricoltura Biologica è diventata una realtà economica di rilievo che investe migliaia di ettari e più di 5.000 aziende mentre i consumi di prodotti biologici degli italiani continuano a crescere. A un anno dall'entrata in vigore del Dlgs 20/18 facciamo il punto sullo stato di salute dell'agricoltura biologica in Toscana, in un dialogo a più voci che mette a confronto i protagonisti della filiera.

Con uno sguardo al futuro.

 

Italiano

“Progetto per lo sviluppo e la prosecuzione delle attività volte alla definizione delle dimensioni economiche del settore dell’agricoltura biologica ai diversi livelli della filiera” “DIMECOBIO III”

Obiettivi generali:

Obiettivo del progetto è il monitoraggio economico e l’approfondimento di tematiche specifiche sul settore biologico al fine di fornire un quadro di insieme sulle dinamiche che lo caratterizzano. I risultati di tali attività consentiranno di delineare le potenzialità e gli ambiti sui quali potranno essere attuate strategie istituzionali e di mercato nell’ottica della maggiore competitività del settore sia a livello nazionale che estero.

Provincia di Bolzano: colture biologiche e integrate, nuove regole di convivenza.

Un accordo quadro che stabilisce le misure da adottare nelle zone agricole coltivate in modo biologico e quelle integrate. Lo hanno sottoscritto l'assessore provinciale Arnold Schuler e il consorzio dei produttori ortofrutticoli della val Venosta Vi.P, le tre associazioni di produttori biologici - Bioland Südtirol, Unione Coltivatori Alternativi e Associazione per l'agricoltura biodinamica - il centro di consulenza Beratungsring e il centro di sperimentazione Laimburg.

Italiano

Paesi Bassi: crescita dell’agricoltura biologica olandese nel 2016.

Nel corso del 2016 il settore biologico nei Paesi Bassi ha registrato una crescita notevole. In effetti il numero delle aziende registrate ed attive all'interno di tutta la filiera bio è aumentato di 440 unità e raggiunge attualmente le 4.417 imprese.

Italiano

Rafforzamento dei sistemi produttivi del grano duro biologico italiano” - “BIODURUM

Obiettivi generali

a) Individuare e implementare percorsi agronomici innovativi, con particolare riferimento alla diversificazione colturale, in grado di tutelare sostenibilità ambientale, economica e sociale.

b) Valutare e applicare metodologie operative agro-ecologiche e innovazioni meccaniche, incluse quelle basate sulle tecnologie digitali.

c) Recuperare, sviluppare e valorizzare vecchi e nuovi materiali genetici di frumento duro da destinare alla coltivazione secondo il metodo biologico.

Pagine

Abbonamento a Agricoltura Biologica