difesa biologica

Difesa biologica e agricoltura di precisione, è possibile metterle insieme?, di Matteo Giusti

Il magazine online “AgroNotizie” pubblica un’interessante intervista di Matteo Giusti a Giorgio Mariano Balestra, professore dell'Università della Tuscia, che da anni è impegnato nell'applicare tecnologie dell'agricoltura di precisione in un contesto di sostenibilità. Ridurre gli imput chimici è un obiettivo comune a tutta l'agricoltura a livello globale, e tra le varie strategie messe in campo per arrivare a questo scopo l'agricoltura di precisione e l'agricoltura biologica sono forse quelle più efficaci e sicuramente quelle attualmente più applicabili ed applicate.

Italiano

Workshop “Il valore delle tecnologie di biocontrollo per la difesa delle colture”: le presentazioni

Anabio ha pubblicato le presentazioni del workshop tenuto l’8 luglio assieme ad IBMA Italia al fine di avviare una collaborazione volta a progetti comuni di formazione e sperimentazione di protocolli di difesa fitosanitaria per il biologico. Con l’incontro, l’associazione ha voluto sottolineare la sua attenzione al Green Deal Ue, alle strategie “Farm to Fork” e “Biodiversity” e, quindi, ai requisiti fissati dalla Commissione europea: riduzione, entro il 2030, del 50% dell’uso e del rischio complessivo dei pesticidi chimici e del 50% di quelli più pericolosi.

Italiano

FederBio – Agri 2000 Net: un accordo per mettere a punto la transizione dall’agricoltura tradizionale a quella sostenibile

Il panorama disegnato dalla strategia “Farm to fork”, presentata dalla Commissione Europea rende sempre più importante aiutare gli agricoltori convenzionali nel percorso di conversione verso il biologico. Va anche in questo senso l’accordo firmato da FederBio e Agri 2000 Net.

Italiano

"Controllo biologico negli agrumeti - Uso e gestione degli insetti utili"

Il controllo biologico è una tecnica di difesa messa a punto già da lungo tempo e di cui, spesso, ci si dimentica. E' il caso, ad esempio, della Rodolia cardinalis, una coccinella che dall'inizio del secolo scorso lavora con gli agricoltori per tenere gli agrumeti puliti dalla cocciniglia "a sacco". Lo fa all'insaputa, spesso, dei moderni agrumicoltori che non hanno conosciuto e vissuto il dramma produttivo causato da questa cocciniglia.

Italiano
Abbonamento a difesa biologica