Rassegna stampa

Formato: 08/2019

Un italiano su 4 consuma vino bio. E' quanto emerge dall’analisi Wine Monitor Nomisma su dati Fibl, resa nota in occasione diVinitaly 2017. In Italia nel 2016 le vendite di vino bio hanno raggiunto 11,5 milioni di euro nella sola gdo, registrando un +51% rispetto al 2015 (a fronte di un tiepido...

Nel 2017 gli alimenti biologici continueranno il loro boom, così come, viceversa dovrebbe proseguire il calo dei consumi di carne e alcool, oli e grassi vegetali, bevande dolci e energy drink. Almeno nelle intenzioni dei consumatori si delinea un carrello della spesa più orientato a salute e...

 

Negli ultimi anni si sta diffondendo una nuova tecnica di coltivazione che può essere molto interessante dal punto di vista della capacità di sequestrare quantità importanti di anidride carbonica (CO2), ridurre le emissioni di protossido di azoto (N2O), ridurre le emissioni dei mezzi...

Il Ministro dell’agricoltura Maurizio Martina vuol guardare oltre le urgenze, come la crisi del latte (“dal 2017 assieme alla Francia avremo l’etichetta di origine della materia prima”) e del grano, schiacciato da quotazioni da...

Il vino biologico italiano sta conoscendo un momento eccellente. Wine Monitor Nomisma ha raccolto i dati delle vendite del settore, evidenziando una crescita del 259% negli ultimi 10 anni. Un settore che attesta le vendite intorno ai 205 milioni di euro, e che vede l'Italia seconda in Europa e...

Secondo Nomisma, a fine anno il valore del mercato del biologico salirà a 3 miliardi di euro, mentre la crescita annua del 19% conferma e rafforza una tendenza che va avanti da anni ed è in parte legata alla crescita delle superfici coltivate a bio. Già nel 2015 la crescita del valore nella GDO...

Cresce senza sosta la domanda di cibo biologico, con un giro d’affari che ha toccato i 2,8 miliardi di euro, includendo sia il mercato domestico che quello extra-domestico (es.: ristorazione). Una crescita dovuta anche a un nuovo modello di consumo, e una scelta che...

Si fa presto a dire biologico. Anche perché – a rigor di lemma- la biologia riguarda tutti gli esseri viventi: dunque anche piante ed animali ad uso alimentare. Non a caso gli anglosassoni usano il termine “agricoltura organica”. Definiscono così, più correttamente,...

Un esercito di agricoltori convertiti all’organico: nel ’95 erano meno di 10mila, oggi superano quota 55mila. Sono più dei francesi, fermi a 40mila, e dei 35mila spagnoli. Si coltivano prodotti verdi in Sicilia, Calabria e Puglia, si trasformano in Emilia –Romagna e...

Perché conviene mangiare prodotti bio? Si può ascoltare in podcast su “FQ (Il Fatto Quotidiano) radio” un intervento della Dr.ssa Renata Alleva, nutrizionista e biologa,...

Pagine