L'accordo sull'agricoltura biologica tra il Cile e l'Unione europea rimarrà invariato

Il Servicio Agrícola y Ganadero, SAG (Servizio per l'Agricoltura e l'Allevamento) del Ministero dell'agricoltura cileno comunica che l'Accordo di Equivalenza e Reciprocità nel Commercio Biologico tra il Cile e l'Unione Europea rimarrà in vigore; la decisione è stata ratificata in sede di Comitato Congiunto con l'Unione europea, rappresentato dalla Direzione Generale dell'Agricoltura e dello Sviluppo Rurale (DGAGRI).

Stati Uniti e Taiwan: firmato un accordo di equivalenza per il biologico

L'American Institute di Taiwan e l'ufficio di rappresentanza economica e culturale di Taipei negli Stati Uniti hanno firmato e si sono scambiati lettere per conto di Stati Uniti e Taiwan, inaugurando un nuovo accordo di equivalenza, in vigore dal 30 maggio 2020, che consente ai prodotti biologici certificati negli Stati Uniti o a Taiwan di essere venduti come biologici in entrambi i mercati.

UE-Cile: il Consiglio firma un accordo sul commercio di prodotti biologici.

Il 6 marzo 2017 il Consiglio ha adottato una decisione relativa alla firma di un accordo tra l'Unione europea e la Repubblica del Cile sul commercio di prodotti biologici. Grazie all'accordo, a breve l'UE e il Cile riconosceranno l'equivalenza delle norme e dei sistemi di controllo reciproci per quanto concerne la produzione biologica. In pratica, questo significa che gli alimenti biologici prodotti nell'UE e rientranti nel campo di applicazione dell'accordo potranno essere commercializzati in Cile senza ulteriori controlli.