L’agroecologia per invertire il disastro climatico, di Francesco Sottile

In questi giorni, parlare di sostenibilità e della riduzione dell’uso dei pesticidi è quanto mai complesso, in un quadro generale inquinato da una strumentalizzazione che ha posto agricoltura e ambiente in contrapposizione tra loro. Si è più volte detto che è una strada sbagliata, perché se tutela dell’ambiente e produzione agricola non diventano complici non si riuscirà a innescare quella conversione ecologica che è oggi inderogabile.

Alto Adige: sementi di fiori selvatici autoctoni per promuovere la biodiversità nei frutteti biologici

La semina in agricoltura ha un grande potenziale: a seconda del tipo di seme, ad esempio, si contribuisce ad aumentare la biodiversità, a migliorare il suolo o a offrire una fonte di sostentamento per gli insetti impollinatori. Nell'ambito di un progetto triennale iniziato nel 2023, ricercatrici e ricercatori del gruppo di lavoro Agricoltura Biologica e del settore Agricoltura Montana del Centro di Sperimentazione Laimburg stanno sviluppando approcci per la produzione di sementi selvatici da e per l'Alto Adige.

L’allevamento biologico di Bassa Corte: un corso gratuito

Si svolge per 4 giornate (14 e 21 marzo, 4 e 11 aprile, dalle ore 9.00 alle ore 17.00, 4 giornate in presenza presso l’Agriturismo Papaveri e Papere, via Caltana 1/b Santa Maria di Sala - Venezia) un corso in presenza per l’integrazione del reddito e per lo sviluppo dell’allevamento biologico degli animali di Bassa Corte in una location dove il biologico è realtà da tempo. Dedicato a titolari, coadiuvanti, partecipi familiari e salariati agricoli. Un’ampia panoramica sull’allevamento di galline, anatre, oche, faraone, polli e tacchini.

Un’altra agricoltura è possibile, di Serena Milano

La direttrice di Slow Food Italia interviene sulle manifestazioni degli agricoltori di questi giorni.  Se mettiamo insieme il calo di produzione legato ai continui eventi estremi (siccità, grandinate, alluvioni), i prezzi pagati ai produttori sempre più bassi, il regolamento che impone calibri per la frutta e la verdura venduta nella grande distribuzione e costringe le aziende a buttare tra il 20 e il 30% del raccolto, l’aumento dei costi per fertilizzanti, fitofarmaci e carburanti, la tempesta è perfetta.

Il Green Deal non danneggia l’agricoltura: l’aiuta

Appare miope e fuorviante la tesi di coloro che attribuiscono al Green Deal la crisi del sistema agricolo in Europa. È una lettura dei fatti che parte dalle recenti proteste degli agricoltori avvenute in Germania e Francia ma non coglie il punto: sono la dipendenza dai fossili, la volatilità dei prezzi alla produzione, l’impoverimento dei terreni causato dall’abuso della chimica di sintesi e le speculazioni finanziarie le vere cause della crisi del settore.

Dall’energia alla biodiversità, tutti i vantaggi del coltivare bio, di Paola Cassiano

I vantaggi dell'agricoltura biologica sono molteplici e plurisettoriali. Rispetto all'agricoltura convenzionale, questo metodo produttivo permette di dimezzare il consumo energetico e l'inquinamento da nitrati nelle acque sotterranee, incrementando la biodiversità (+30%). Inoltre, può dimezzare le emissioni di gas serra aumentando il contenuto di carbonio nel suolo (10%).