Università di Copenhagen: un nuovo metodo rivela se una patata è biologica o meno

I ricercatori dell'Università di Copenaghen hanno sviluppato un nuovo approccio che aiuta le agenzie pubbliche e le aziende commerciali a combattere gli alimenti biologici etichettati in modo fraudolento. Osservando il modo in cui le piante biologiche vengono fertilizzate, il metodo fornisce una fotografia più profonda e accurata del fatto che i prodotti con il marchio biologico siano effettivamente tali.

Una valutazione danese: i fanghi di depurazione sono sicuri per l'agricoltura biologica

Una valutazione dei rischi relativi all'uso dei fanghi di depurazione e dei liquami suini o bovini è stata pubblicata dall'Università di Copenaghen e dal Danish National Food Institute (DTU). Uno studio che deriva da un rapporto del 2017 del Danish Organic (Farming) Business Development Team (Team di sviluppo aziendale danese per l'agricoltura biologica) il quale indicava che gli agricoltori biologici possono essere autorizzati ad utilizzare sostanze nutritive provenienti dalle acque reflue urbane trattate.

Danimarca: la strategia per il biologico nominata per il Global Award

Il piano d'azione della Danimarca per l'agricoltura e l’alimentazione biologica “Lavorare assieme per più biologico 2011-2020” ha ricevuto la nomination per il “Future Policy Award” delle FAO. Nello sviluppo del piano ha avuto un ruolo centrale la ONG “Organic Denmark”, stimolata nella sua redazione dal grande interesse mostrato da agricoltori e consumatori  per lo sviluppo sia della politica che del mercato del settore.

Danimarca: una nuova app guida danesi e turisti verso i pasti bio

Una nuova app aiuterà danesi e turisti in Danimarca, la nazione più “eco” del mondo, a trovare ovunque, anche in campagna, caffè, ristoranti e hotel che hanno il biologico nel menu. La Danish Food Agency e VisitDenmark hanno sviluppato in collaborazione l'app 'Organic eateries',  che prevede tre categorie di riconoscimenti, a seconda della percentuale di  presenza di bio nel menu e della relativa valenza ecologica del posto: un marchio oro (90-100% di biologico), una argento (60-90°%)  

“Danimarca, obiettivo 100% bio”, di Paola Magni

Il governo danese ha preparato un piano per raddoppiare entro il 2020 la superficie agricola coltivata con il metodo biologico e biodinamico, con l'intento di convertire tutta l’agricoltura della Danimarca alla sostenibilità. Dal 2007 ad oggi le esportazioni di prodotti danesi bio è cresciuta del 200 per cento; l’8 per cento di tutti gli alimenti venduti è biologico, e quest’anno, il marchio nazionale del bio, conosciuto dal 97 per cento dei danesi, compie venticinque anni.

Cresce il mercato del biologico danese: + 6,1% nel 2014.

In accordo con gli ultimi dati diffusi da Statistics Denmark, il mercato biologico è ora a 830 milioni di euro. Questa cifra comprende i rivenditori di generi (supermercati e negozi di alimentari), ma non tiene conto di marketing diretto o negozi bio specializzati. Rispetto al 2013, le vendite sono aumentate del 6,1 per cento. La quota del mercato totale è ora del 7,6%.