Regione Emilia-Romagna, Sviluppo Rurale: al via 27 bandi per 344 milioni di euro di risorse entro fine anno, c’è anche il biologico

Competitività, ambiente, sviluppo e innovazione sono al centro della stagione di bandi messi a punto dalla Regione Emilia-Romagna nell’ambito della programmazione europea dello Sviluppo Rurale 2023-27.

Regione Emilia- Romagna: al via un bando da 300mila euro per sostenere i Distretti regionali del biologico

La Regione lancia un bando da 300mila euro per promuovere e sostenere i Distretti del biologico riconosciuti della Regione Emilia-Romagna. I Distretti sono sistemi produttivi locali costituiti dai soggetti che coltivano e producono con metodo biologico, dai consorzi e dalle società cooperative che intervengono nella filiera biologica in una qualunque delle sue fasi e dalle associazioni di produttori biologici. Attualmente in Regione ne sono stati riconosciuti 6.

Regione Emilia-Romagna: due nuovi bandi per imboschimenti e mantenimento degli elementi caratteristici del paesaggio agrario

Nell'ambito dello Sviluppo rurale 2023-2027 sono stati approvati due nuovi bandi per gli interventi a superficie con impegni decennali che danno prosecuzione alle precedenti programmazioni dello Sviluppo rurale, e che possono interessare anche le aziende biologiche.

Agricoltura, biologico e sviluppo sostenibile: nascono i bio-distretti dell’Emilia-Romagna

Insieme il biologico cresce di più e meglio. È la filosofia dei nuovi bio-distretti, che si sviluppano in aree geografiche ben precise con coltivazioni, allevamenti, filiere commerciali e di trasformazione.
Qui agricoltori, privati cittadini, associazioni, operatori turistici e pubbliche amministrazioni stringono un accordo per la gestione sostenibile delle risorse, puntando su produzioni biologiche che coinvolgono tutti gli anelli delle filiere frutticole, zootecniche o cerealicole, fino alla tavola.

Regione Emilia-Romagna: varato il programma triennale per l’educazione alimentare, favoriti i consumi alimentari consapevoli nelle scuole e nelle fattorie didattiche, sostenibilità della ristorazione collettiva

Orientamento dei consumi e educazione alimentare nelle scuole, puntando all’educazione all’aperto e alla pedagogia attiva. Sviluppo e qualificazione della rete delle fattorie didattiche e informazione e promozione di consumi alimentari consapevoli, con le Fattorie Aperte e la Giornata dell’Alimentazione. Sostenibilità della ristorazione collettiva scolastica, tema su cui è al lavoro anche un gruppo regionale appositamente costituito.