Toscana: nasce il sesto biodistretto, “Le Colline della Pia”

Insiste sui territori comunali di Roccastrada, Massa Marittima e Gavorrano, in provincia di Grosseto, ed ha una SAU di 20.400 ettari complessivi, di cui quasi il 42% condotti con il metodo dell'agricoltura biologica (le aziende a conduzione biologica sono 340): è questo il profilo del neo-nato biodistretto “Colline della Pia”, il sesto della Toscana.

Innovazione bio, partito il corso itinerante nel Biodistretto del Montalbano (Prato)

L’Associazione per l’Agricoltura Biodinamica di Firenze e l’associazione Biodistretto del Montalbano hanno organizzato il corso di formazione Innovazione bio destinato alle aziende agricole biologiche o in conversione ubicate nel territorio del Montalbano, un progetto sostenuto del ministero dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste che interesserà 10 regioni italiane.

Toscana, "Regina del bio"

Nell’Unione Europea il 9,6% della superficie agricola utilizzata è bio; la percentuale sale in Italia al 18,7% e in Toscana, vera e propria 'Regina del bio', balza oltre la percentuale record del 35,8, la più alta fra le 5 regioni che in Italia hanno implementato nell’ultimo decennio le coltivazioni biologiche e che insieme (Emilia-Romagna, Toscana. Puglia, Calabria e Sicilia) totalizzano il 55% delle colture Bio in Italia.

Toscana: prende forma il distretto biologico delle colline del Fiora e dell’Amiata

Con riunioni a Pitigliano e Roccalbegna, che hanno visto la partecipazione dei relativi Comuni e delle numerose aziende agricole biologiche locali, sta scaldando i motori il secondo distretto biologico in provincia di Grosseto. Sono cinque i Comuni che si sono accordati per creare quello che , ufficiosamente, dovrebbe chiamarsi “Distretto biologico Aldobrandesco”: Castell’Azzara, Pitigliano, Roccalbegna, Sorano, Semproniano, con un totale di oltre 390 aziende biologiche certificate ed altre che sono in via di conversione.

Toscana Bio, Organic Cities & Apab: due giornate fiorentine su Cibo-Clima-Cultura

Venerdi 2 e sabato 3 febbraio 2024 sono in programma due giornate fiorentine, italiane ed europee su Cibo-Clima-Cultura. L'evento è organizzato da Toscana Bio, Organic Cities, Apab, con il patrocinio del Comune di Firenze e con il sostegno di Qualità & Servizi, Probios, Istituto degli Innocenti e del Libraccio e delle riviste Terra Nuova e Terra Biodinamica.

Convegno: "Il biochar per aumentare la sostenibilità della viticoltura nel comparto biologico: Focus sul Progetto B-Wine"

Il biochar usato come ammendante del suolo è una pratica agronomica sostenibile ampiamente usata al fine di migliorare la fertilità chimica, fisica e biologica dei suoli, la capacità di ritenzione e infiltrazione idrica e agire come meccanismo di stoccaggio a lungo termine per il carbonio.

Toscana: “Facciamo il Distretto Biologico”, avviato un nuovo percorso per alcuni Comuni della provincia di Siena

Presentare ai cittadini il percorso avviato per la costituzione del distretto biologico dei comuni di Sovicille (capofila), Monteroni d’Arbia, Monticiano, Murlo, Radicondoli, raccogliere le istanze da parte dei cittadini, spiegare le finalità del distretto e allargare la partecipazione delle aziende bio dei 5 comuni coinvolti. È questo l’obiettivo del punto informazioni dedicato al “Distretto biologico” che è stato e sarà  allestito durante i principali eventi che si svolgeranno nei 5 comuni aderenti al progetto.

San Gimignano: dal 27 al 29 ottobre, all’8° Festival della Terra, il biologico protagonista

Si svolge nel centro storico di San Gimignano l' 8° Festival della Terra “Resistenza contadina - Agricoltura biologica: una sfida coraggiosa”. Tre giorni di festa, convegni, degustazione di vini e cibi bio, musica dal vivo, intrattenimento bimbi e un “Grande Mercato della BIODIVERSITÀ” con contadini,  i produttori biologici e gli artigiani ecosostenibili toscani.

Programma