Europa: dai dati FIBL, è sempre bio-boom (EN)

27/02/2018
News

Secondo i dati presentati al BioFach di Norimberga da FIBL e AMI, Società di Informazioni sul Mercato Agricolo, in Europa nel 2016 sono stati coltivati 13,5 milioni di ettari di terreni agricoli con il metodo dell'agricoltura biologica (Unione europea: 12,1 milioni di ettari). Con oltre 2 milioni di ettari, la Spagna continua ad essere il Paese con la più vasta superficie bio, seguita dall'Italia (1,8 milioni di ettari) e dalla Francia (1,5 milioni di ettari). Complessivamente, la superficie biologica è aumentata di quasi un milione di ettari, + 6,7% in Europa e +8,2% nell'Unione europea. La crescita è stata superiore rispetto al 2015 e sostanzialmente più elevata rispetto ai primi anni del decennio in corso. Nel 2016, l'Italia ha registrato oltre 300.000 ettari in più rispetto al 2015, mentre per la Francia sono stati oltre 200.000. I terreni agricoli biologici in Europa costituiscono il 2,7% del totale dei terreni agricoli (il 6,7% nell'Unione europea).

Il paese con la quota più elevata a livello mondiale di terreni agricoli in bio è il Liechtenstein (37,7%), seguito dall'Austria, il paese dell'Unione europea con la più alta percentuale (21,9%). Nove paesi europei hanno riferito che almeno il 10 percento della propria SAU è biologico.

Anche i produttori sono in costante aumento: a fine 2016, c'erano oltre 370'000 produttori biologici in Europa (Unione europea: quasi 300'000), e il numero maggiore era in Turchia (quasi 68'000) e in Italia (oltre 64'000 ). Il numero di produttori è cresciuto del 7% in Europa (10% nell'Unione europea) nel 2016.

Come il resto del settore, anche i trasformatori e gli importatori hanno registrato una forte crescita: saliti a 66.000 i trasformatori in Europa e a quasi 63'000 nell'Unione europea, mentre gli importatori sono saliti a 4'700 in Europa (di cui quasi 4'000 nell'Unione europea). Una crescita particolarmente forte è stata notata per gli importatori, che sono aumentati a doppia cifra sia in Europa che nell'Unione europea. Il paese con il maggior numero di trasformatori era l'Italia (quasi 17'000), mentre la Germania aveva il maggior numero di importatori (quasi 1'600).

Per quanto riguarda le vendite, quelle al dettaglio in Europa sono state valutate a 33,5 miliardi di euro (30,7 miliardi di euro nell'Unione europea). L'Unione europea rappresenta il secondo più grande mercato per i prodotti biologici nel mondo dopo gli Stati Uniti. Il mercato europeo ha registrato un tasso di crescita dell'11% (Unione Europea: 12%), ed è la seconda volta che le vendite al dettaglio hanno avuto un tasso di crescita a due cifre dalla crisi finanziaria. Tra i mercati chiave, la crescita maggiore è stata osservata in Francia (22%). Nel decennio 2007-2016, il valore dei mercati europei e dell'Unione europea è più che raddoppiato.

Nel complesso, l'indagine FIBL-AMI ha mostrato che i consumatori europei spendono di più per il cibo biologico: in Europa 41 euro a persona (Unione europea: 61 euro), con gli svizzeri che detengono la quota più alta (274 euro pro capite). Da notare che la spesa pro-capite dei consumatori di alimenti biologici è raddoppiata nell'ultimo decennio.

Infine, i paesi europei rappresentano a livello mondiale le maggiori quote di vendita di alimenti biologici in percentuale dei rispettivi mercati alimentari. La Danimarca detiene la quota più alta (9,7 percento) a livello mondiale. Singoli prodotti e gruppi di prodotti detengono poi quote ancora più elevate. Le uova biologiche, ad esempio, costituiscono più del 20% del valore di tutte le uova vendute in diversi paesi.

Il sondaggio sull'agricoltura biologica in Europa è stato condotto da FiBL e AMI. Le attività di raccolta dati della FiBL sono state realizzate nell'ambito dell'indagine globale sull'agricoltura biologica sostenuta dalla Segreteria di Stato dell'economia svizzera (SECO), dall'International Trade Centre (ITC), dalla NürnbergMesse e dall'IFOAM - Organics International.

Fonte: FIBL