Il miglio come nuova fonte di metionina per i mangimi biologici?

17/08/2020
News

Prove di coltivazione con il miglio in biologico hanno dimostrato che la coltura ha livelli sorprendentemente alti dell'aminoacido metionina. Le quantità determinate erano nettamente superiori a quelle delle colture proteiche comuni, cosa che, secondo il team di ricerca, rende il miglio un alimento molto interessante per l'allevamento del pollame biologico.

Si tratta dei primi risultati intermedi di un progetto di ricerca triennale condotto da un team di esperti del servizio di consulenza specialistica per Naturland, l'Università di Eberswalde e VERN eV. Le prove di coltivazione si sono svolte in tre diverse località in Baviera e Brandeburgo. Il progetto è finanziato dal programma federale di agricoltura biologica e altre forme di agricoltura sostenibile (BÖLN).

Contenuto notevolmente superiore rispetto a fave e piselli

Secondo i ricercatori, la determinazione dei singoli componenti proteici ha portato a livelli di metionina sorprendentemente alti, con una media di 3,54 gr/kg di miglio con l'88% di sostanza secca (g / kg di DM). I livelli di metionina erano quindi significativamente più alti che nei cereali da foraggio (1,7 g / kg DM) o nelle colture proteiche classiche come fave (1,7 g / kg DM) o piselli (1,9 g / kg DM). Anche i livelli di altri amminoacidi contenenti zolfo come la cisteina, la lisina e la treonina erano più alti del previsto.

Dal punto di vista dei ricercatori, è soprattutto l'elevato contenuto di metionina che rende il miglio un componente interessante per il mangime per l'allevamento biologico di pollame. Per molte aziende agricole biologiche attualmente è infatti difficile mettere insieme quantità sufficienti di aminoacidi in una razione con i componenti disponibili.

Un componente importante per l'alimentazione biologica al 100%

Werner Vogt-Kaute, di Naturland, è convinto che gli alti livelli di metionina siano la ragione di un aumento delle prestazioni nelle galline ovaiole biologiche, aumento che è stato spesso osservato nella pratica durante l'alimentazione con il miglio. Secondo Vogt-Kaute, perciò, il miglio potrebbe contribuire al raggiungimento di quel 100% di ingredienti di alimentazione biologica per gli allevamenti che è un obiettivo di tutte le associazioni del bio da raggiungere nei prossimi anni. Sempre secondo Vogt-Kaute la coltivazione del miglio in biologico è relativamente facile, così come la sua tolleranza alla siccità.  Il miglio è paragonabile al grano estivo nella coltivazione e raggiunge rese altrettanto elevate, anche se non è stato possibile determinare grandi differenze di resa tra le diverse varietà. 

Nonostante il potenziale fondamentalmente grande come mangime per animali per l'agricoltura biologica, Vogt-Kaute sottolinea che i valori determinati finora provengono solo da un anno di coltivazione. La valutazione degli altri due anni di crescita dovrebbe mostrare quanto siano stabili i valori al variare delle condizioni di crescita del cereale. Inoltre, è necessario testare i precedenti effetti positivi sulle prestazioni del pollame biologico in esperimenti di alimentazione mirati.

Fonte: BÖLN

Produzioni: