consumi domestici

Nomisma: i numeri del bio del mercato italiano

In occasione di MACFRUT BIO Nomisma ha presentato un’analisi del mercato in Italia e Germania dell’ortofrutta bio, settore che da sempre rappresenta un elemento rilevante nella dieta delle famiglie. Nel 2016 i consumi di frutta e ortaggi freschi in Italia sono cresciuti a volume del +2,2% rispetto al 2015 (oltre 9 milioni di tonnellate vendute in tutti i canali, 152 kg pro capite consumati), un segnale incoraggiante  rispetto ai trend negativi registrati negli ultimi anni.

Italiano

“Cresce il bio, +9% le vendite 2013”.

Il biologico più forte della crisi: crescono i consumi, le aziende coinvolte e gli ettari dedicati. E sta per affollarsi anche la distribuzione con la nascita di altre catene commerciali, Almaverde Bio ed Eurospin bio, in concorrenza con Natura Sì. Infatti, nel primo semestre del 2013 volano i consumi domestici dei prodotti bio confezionati: +8,8% rilevato da Ismea e Gfk-Eurisko. Nel 2012 gli acquisti domestici di prodotti alimentari biologici confezionati nel Nord coprivano il 70,8% del totale, il 22,3% nel Centro e solo il 6,9% nel Sud.

Italiano

Biologico, il forte calo nella gdo trascina i consumi al ribasso, di Alessandro Maresca

A dispetto della ripresa di vivacità del settore biologico italiano, il rapporto di fine luglio dell’Osservatorio ISMEA indica un –4,8% negli acquisti domestici di prodotti confezionati. Buone sono invece le performance dei canali che privilegiano il rapporto diretto tra produttore e consumatore. Secondo Andrea Ferrante la grande distribuzione deve rivedere le sue politiche commerciali.

Fonte di informazione: «Terra e Vita», n. 32-33, 5 agosto, p. 19

Non definito

“Bio che boom! La crisi non ferma le vendite, anzi”, di Lorenzo Misuraca.

Di fronte alla crisi economica c’è un settore di eccellenza che non sembra conoscere crisi. E’ quello dei prodotti biologici, il cui consumo è in aumento. A confermarlo è anche un indagine condotta dal Gruppo Carrefour Italia nei primi mesi del 2009 nei propri punti vendita. Secondo Flavia Marè, responsabile assicurazione qualità di Carrefour, uno dei motivi principali del boom del biologico in tempo di crisi “va ricercato nel binomio salute-alimentazione”.

Non definito
Abbonamento a consumi domestici