Germania: le importazioni biologiche in calo a causa del maggior grado di autosufficienza

30/04/2020
News

Il portale d’informazione tedesco Oekolandbau.de presenta i risultati di uno studio dell’AMI - Agrarmarkt Informations - Gesellschaft mbH, agenzia tedesca di informazioni sul mercato agricolo sulle importazioni di prodotti bio in Germania.

Lo studio indica che le importazioni di molti prodotti biologici nel Paese sono diminuite durante la campagna di commercializzazione 2018/19, e ciò è dovuto principalmente alla maggiore offerta di prodotti nazionali. In particolare, la quota delle importazioni è diminuita soprattutto per alcuni tipi di grano e per il latte.

Dal 2016, sempre più aziende agricole tedesche sono passate alla produzione biologica. Solo dal 2015 al 2019, la produzione di latte è cresciuta del 62 percento, i seminativi sono cresciuti del 53 percento, le mandrie di suini sono cresciute del 57 percento e i prati-pascolo del 43 percento. La produzione biologica interna, che è rimasta piuttosto bassa in Germania per molto tempo, può ora contribuire maggiormente all'offerta e sta facendo a meno delle importazioni di vari prodotti.

Le importazioni di grano biologico sono in calo

Ad esempio, il raccolto di cereali biologici nel 2019 è stato di circa il 14 percento più elevato di quello dell'anno precedente grazie all’aumento delle superfici coltivate. L'aumento di volume è venuto principalmente dalla maggiore superficie coltivata, ed il raccolto di grano biologico ha raggiunto il massimo storico di quasi un milione di tonnellate nel 2019. La fornitura di mangimi è stata migliore rispetto agli anni passati ma, allo stesso tempo, gli allevamenti di bestiame recentemente convertiti hanno avuto bisogno di più alimenti biologici, il che ha portato a una maggiore richiesta, quindi i cereali biologici hanno dovuto continuare ad essere importati.

Le importazioni di grano biologico sono diminuite per il secondo anno consecutivo nel 2018/19. La quota di importazione per tutti i tipi di grano è scesa del 17 percento, mentre nel 2016/17 era ancora del 26 percento. Le importazioni da Paesi terzi si sono quasi fermate anche per il maggior import di grano da Paesi UE, preferiti dai trasformatori assieme al prodotto nazionale. Di conseguenza, l'acquisto di grano bio dall’Ucraina è fortemente calato, restando i fornitori più importanti Romania, Slovacchia e Polonia. Per il 2019/20 sono previsti ulteriori cali delle importazioni di cereali biologici.

Anche le importazioni di latte sono leggermente in calo, pur se la sua domanda e quella dei prodotti lattiero-caseari biologici rimane elevata e, nel solo 2019, quasi tutti i prodotti vedranno una crescita a due cifre. I principali paesi fornitori per il mercato tedesco sono Austria e Danimarca.

Un altro importante prodotto importato in Germania sono le mele.  Anche i tassi di importazione di questo frutto sono diminuiti in modo significativo. Negli ultimi anni, il 60 percento della domanda in Germania è stata soddisfatta con prodotto proveniente da altri Paesi europei e terzi. La situazione è cambiata radicalmente nella stagione 2018/19. I produttori europei di mele biologiche hanno realizzato un raccolto record, e in Germania il volume del raccolto è quasi raddoppiato rispetto agli anni 2016 e 2017, che registrarono un forte calo. Per tale ragione, nel 2018/19 le importazioni dall'estero sono state irrisorie.  Anche nella campagna di marketing 2019/20, si prevede saranno necessarie solo poche importazioni a causa di nuovi aumenti di superfici coltivate a meleto, con un ampio volume di raccolta.

Una migliore offerta interna offre opportunità commerciali

Con una migliore fornitura di molti prodotti nazionali, i rivenditori possono ora pubblicizzare i prodotti in quanto tedeschi. Alcuni rivenditori o discount lo fanno con proprie gamme di prodotti regionali o la promozione di prodotti di agricoltori associati, con ciò incontrando il favore di molti consumatori di prodotti nazionali o regionali.

Ogni anno l'AMI analizza le importazioni dei più importanti prodotti biologici in Germania. Come fonte per la valutazione dell’andamento delle importazioni si utilizzano dati di 370 società importatrici in Germania, coinvolgimento di esperti del settore e analisi del panel delle famiglie GfK.

L’indagine completa, in tedesco, si può scaricare QUI

Fonte: Oekolandbau.de

Economia: